Charlie Puth racconta com'è nata la collaborazione con Selena Gomez

Selena Gomez e Charlie Puth
Ecrit par

Charlie Puth ha raccontato i retroscena della sua collaborazione artistica con Selena Gomez per "We Don't Talk Anymore".

Dopo la collaborazione con Wiz Khalifa per "See You Again" Charlie Puth ha proseguito sulla strada dei duetti, circondandosi degli artisti più in voga del momento, dai Maroon 5 fino a G-Eazy, passando naturalmente per "We Don't Talk Anymore" con il contributo di Selena Gomez. "Sono tutte collaborazioni nate in maniera molto poco ortodossa" ha raccontato Puth in una recente intervista per Billboard "di solito io dico ad ogni artista che incontro che dovremmo fare qualcosa insieme. E a volte, inspiegabilmente, succede".

CHARLIE PUTH E SELENA GOMEZ
Charlie Puth racconta com'è nata la collaborazione con Selena Gomez - photo
Charlie Puth racconta com'è nata la collaborazione con Selena Gomez - photo
Charlie Puth racconta com'è nata la collaborazione con Selena Gomez - photo
Charlie Puth racconta com'è nata la collaborazione con Selena Gomez - photo
Charlie Puth racconta com'è nata la collaborazione con Selena Gomez - photo

Riguardo Selena Gomez, il cantante 26enne ha raccontato di averla conosciuta ad una festa grazie a Taylor Swift per poi, appena quattro mesi dopo, incontrarla di nuovo alle Filippine e farle ascoltare la prima versione di "We Don't Talk Anymore": "Lei era estasiata, tipo oddio adoro questa canzone, e io allora ho detto facciamola insieme" ha raccontato Charlie Puth, che ha aggiunto "entrambi abbiamo vissuto esperienze relazionali come quella di cui parla la canzone, l'interpretazione di Selena è stata da subito molto vera e sentita".

Il cantante performer ha rivelato ulteriori dettagli sull'incisione del brano: secondo le sue dichiarazioni per Billboard, Selena Gomez sarebbe arrivata nello studio di Hollywood Hills alle due del mattino e insieme avrebbero registrato fino alle cinque, nonostante Charlie fosse mezzo ubriaco dalla sera prima. "Ma quando mi sono svegliato il giorno dopo e ho ascoltato il pezzo, ho capito che ne era valsa la pena, perché suonava veramente da paura" ha concluso il 26enne: come dargli torto?

Crediti: Archivio Web