Charlene di Monaco, Principessa sportiva al Torneo Santa Devota (foto)

Charlene di Monaco al Torneo di Santa Devota
Ecrit par

Sabato 11 aprile 2015 a Monaco si è tenuto il “Torneo di Rugby Santa Devota”, organizzato da Charlene di Monaco e Alberto II ed esteso a 12 squadre provenienti da tutto il mondo. La Principessa era al settimo cielo.

Da mesi il Principato di Monaco si preparava ad accogliere i giovani sportivi di 12 differenti Paesi del mondo per il prestigioso “Torneo di Santa Devota”, organizzato dalla Federazione Monegasca di Rugby in collaborazione con la Fondazione Principessa Charlene di Monaco. Allo Stadio Saint Louis II si respirava un’aria di sfida, ma anche di grande complicità. Dopo la messa in onore di Ranieri III, celebrata il 6 aprile, sabato 11 i due Sovrani del Principato erano presenti all’evento sportivo: Alberto II e Charlene di Monaco, entrambi particolarmente attenti all’importanza dell’attività fisica, si sono occupati in prima persona dell’organizzazione del “Torneo di Santa Devota”. Inutile negarlo, la Principessa Charlene di Monaco parteggiava per la squadra di rugby del Sudafrica, sua terra d’origine: l’ex nuotatrice ha scattato diverse foto con i giovanissimi rugbisti sudafricani, ma anche con gli sportivi delle altre 11 nazioni. La squadra del Sudafrica è stata invitata nel Principato di Monaco nel quadro del progetto “South Africa – Monaco Rugby Exchange”, uno dei progetti del programma “Sport & Educazione, per crescere sui valori dello sport”. A vincere il torneo è stata la squadra della Tunisia, mentre Lucciana ha vinto il Trofeo Santa Devota.

Charlene di Monaco, Principessa sportiva al Torneo Santa Devota (foto) - photo
Charlene di Monaco, Principessa sportiva al Torneo Santa Devota (foto) - photo
Charlene di Monaco, Principessa sportiva al Torneo Santa Devota (foto) - photo
Charlene di Monaco, Principessa sportiva al Torneo Santa Devota (foto) - photo
Charlene di Monaco, Principessa sportiva al Torneo Santa Devota (foto) - photo

Charlene di Monaco era al settimo cielo. La Principessa sostiene da sempre, insieme al marito Alberto II, l’importanza dello sport per la crescita fisica e mentale dei bambini. Con i suoi jeans skinny, la camicia di seta bianca sblusata e un gilet volutamente asimmetrico bianco e nero, Charlene di Monaco era radiosa: la Principessa non ha lesinato abbracci e incoraggiamenti ai giovani sportivi, raccontando la sua carriera di nuotatrice, cominciata proprio da bambina. Per la prima volta nell’ambito del “Torneo di Santa Devota” è stata organizzata anche una sessione di “Tots Rugby”, destinata ai bambini dai 3 ai 5 anni per insegnare loro lo sport del pallone ovale. Ma il Principato (e quindi Charlene e Alberto) ha pensato anche ai bambini con handicap: degli incontri pedagogici e dei percorsi adatti sono stati pensati per avviare anche loro al rugby. Tutti i bambini hanno condiviso dei bei momenti di solidarietà, di scambio e di sport. Charlene di Monaco e Alberto II sono stati felici di diffondere i valori in cui credono.

Crediti: Palais Princier, Youtube