Cannes 2015: Dheepan vince la Palma d’Oro e l’Italia torna a casa a mani vuote

Cannes 2015 giuria
Ecrit par

La Palma d’Oro del 68^ Festival di Cannes è stata vinto da Dheepan. L’Italia, in concorso con ben tre lungometraggi, torna a casa a mani vuote. Su melty tutti i vincitori della kermesse.

Il tappeto rosso del Monte del Marches sul quale sono passate nei 10 giorni di Festival stelle e stelline di ogni calibro domani verrà riarrotolato, almeno fino al prossimo anno: il 68^ Festival di Cannes, infatti, ha chiuso stasera i battenti con la cerimonia di premiazione succeduta dalla proiezione del film di chiusura Ice and The Sky, documentario sul riscaldamento globale del regista premio Oscar Luc Jacquet. Ma prima di godersi l’ultimo lungometraggio del cineasta francese dalla lussuosa Sala Lumiere sono stati decretati i vincitori della kermesse. La giuria presieduta dai Fratelli Coen e composta da Rossy de Palma, Sophie Marceau, Sienna Miller, Rokia Traoré, Guillermo Del Toro, Xavier Dolan e Jake Gyllenhaal ha visionato tutti i 19 film in concorso, tra i quali spiccano i tre italiani e ha deliberato le sue preferenze decretando così i vincitori degli ambitissimi premi. (scopri di più nel dossier Cannes 2015)

Cannes 2015: Dheepan vince la Palma d’Oro e l’Italia torna a casa a mani vuote

Partendo dai premi così detti “minori” Palma d'oro del cortometraggio è andata a WAVES '98 di Ely DAGHER, la Caméra d'or attribuita alla migliore opera prima di tutte le sezioni è stata vinta da Cesar Augusto Acevedo per La Tierra y la Sombra. Il Prix du scénario assegnato al miglior sceneggiatore va al lungometraggio di Michel Franco, Chronic film in cui Tim Roth interpreta un infermiere che lavora con i malati terminali (leggi anche Tim Roth: sono favorevole all’eutanasia). Il Prix per l’Interpretazione Femminile sono due attrici, pari merito, a vincerlo: Rooney Mara per Carol ed Emmanuelle Bercoit per Mon Roi. Il Premio della Giuria va al coraggioso The Lobster del greco Yorgos Lanthimos. Il Prix per l’Interpretazione Maschile è di Vincent Lindon per La Loi du Marché. Il Prix de la mise en scène assegnato al miglior regista è di Hou Hsiae-Hsien per The Assassin. Il Grand Prix Speciale della Giuria assegnato al film che mostra maggiore originalità o spirito di ricerca va a Son of Saul di Laszlo Nemes che ha raccontato con grazia e originalità il delicato tema dell’Olocausto. Infine La Palma d’Oro della 68^ edizione del Festival di Cannes è stata vinta da Jacques Audiard per la storia d’immigrazione struggente e vera Dheepan . L’Italia, in competizione con tre film, è tornata a casa a mani vuote.

Crediti: web