Calciomercato, serie A: Le pagelle sulla sessione invernale 2015

Il nuovo acquisto del Napoli Manolo Gabbiadini
Ecrit par

Calciomercato, le pagelle di melty su tutte le squadre di serie A. Dai 35 milioni della Samp, ai quattro grandi acquisti dell'Inter, dall'arrivo di Borriello al Genoa ai mancati rinforzi delle squadre in lotta per la salvezza.

Calciomercato, è la resa dei conti. Come ogni anno melty prova fare le pagelle del mercato. Fino alle ultime ore del 2 febbraio le squadre hanno cercato di rinforzarsi e di sfoltire la propria rosa. In questo calciomercato invernale sono state numerose le operazioni e diversi club di A hanno cambiato pelle. Ecco le pagelle in ordine alfabetico. ATALANTA 6. Il ds Marino ha resistito all'assalto del Milan su Baselli nelle ultime ore e ha messo a segno il colpo Pinilla, decisivo nella vittoria al Cagliari. In difesa Emanuelson è un rinforzo importante ma a centrocampo (Zappacosta gioca come ala per l'assenza di Raimondi e Estigarribia) e in attacco poteva essere fatto di più. CAGLIARI 5,5. Buona la cessione Ibarbo per la casse del club. In difesa qualcosa in più di poteva fare mentre a centrocampo Husbauer rappresenta più una speranza che una certezza. In attacco forse serviva un ariete, che non è arrivato. CESENA 4. La squadra andava rinforzata in tutti i settore e invece è stata indebolita con la partenza di Hugo Almeida. Positiva la permanenza di Defrel ma per lottare ad armi pari per la salvezza servivano almeno tre acquisti importanti. Last minute è sfumato anche El Hamdaoui.

CHIEVO 5,5. I clivensi si sono rinforzati con l'arrivo dal Genoa del folletto greco Giannis Fetfatzidis ma un paio di rinforzi a centrocampo e in difesa forse andavano effettuati. EMPOLI 6,5. La squadra di Sarri gioca a memoria e guarda caso l'unico acquisto è stato quello di Riccardo Saponara dal Milan, ex lanciato proprio dal tecnico toscano. Ottimo l'arrivo del giovane Somma dalla Roma. Infine è fondamentale per la salvezza Rugani, che molte squadre tra cui la Juve hanno tentato di prelevare già in questa sessione. FIORENTINA 6,5. I viola con la partenza di Cuadrado al Chelsea perdono molto. La cessione però è stata fatta al momento giusto e a un prezzo (33 milioni di euro, ndr) che non poteva essere rifiutato. Ottimi gli arrivi di Salah (da verificare il suo ambientamento) dai Blues, Diamanti e Gilardino. GENOA 5,5. Le partenze di Matri, Antonelli, Sturaro e Fetfatzidis indeboliscono i rossoblù. Da verificare la condizione fisica di Borriello e l'ambientamento di Pavoletti, Ariaudo e Bergdich. INTER 7. Sulla carta gli arrivi di Shaqiri, Podolski, Brozovic e Santon rinforzano i nerazzurri. La verità è che la 'rivoluzione manciniana' ha bisogno di tempo e la partita con il Sassuolo ne è la dimostrazione (vedi Sassuolo-Inter 3-1).

Calciomercato, serie A: Le pagelle sulla sessione invernale 2015

JUVENTUS 6. Erano due le toppe da mettere: il quarto attaccante e la fascia sinistra. Marotta e la società ha voluto puntare su giocatori che conoscono l'ambiente e l'allenatore come Matri e De Ceglie. Che siano rinforzi in una squadra che deve giocare su tre fronti lo si vedrà. LAZIO 5. Il mancato arrivo di Bergessio pesa molto sul voto negativo. L'infortunio di Djordjevic imponeva l'arrivo di un attaccante che desse fiato al 36enne Klose. E invece Ederson ha fatto saltare l'accordo con i blucerchiati non rispondendo neanche al telefono. In una società seria queste cose non accadono. MILAN 6,5. A differenza degli ultimi cinque o sei mercati Galliani si è buttato sugli obiettivi richiesti dal proprio tecnico. I parametri zero sono stati accantonati o limitati. Non convince Bocchetti, mentre l'arrivo di Cerci, Antonelli e Paletta potrebbe dare qualcosa in più. Il voto poteva essere molto più alto se i rossoneri avessero acquistato il metronomo di centrocampo (Baselli o Brozovic ad esempio). Col senno di poi forse doveva essere il primo acquisto dell'intera sessione. La difficoltà del Milan in fase di possesso palla imponeva una scelta del genere. NAPOLI 6,5. Strinic e Gabbiadini sono stati due grandi acquisti e finora i risultati parlano chiaro. Ma siamo sicuri che a questo Napoli non servisse anche qualcosa in altri ruoli? Sarà il campo a dare il giudizio finale.

Calciomercato, serie A: Le pagelle sulla sessione invernale 2015

PALERMO 6,5. Nessuna cessione eccellente (Vazquez o Dybala) e due rinforzi in difesa come Rispoli e Ortiz. Zamparini non ha tradito il tecnico Iachini e i tifosi palermitani. PARMA s.v. Non riusciamo a giudicare il mercato del Parma perché ogni arrivo può far bene se c'è il clima adatto. L'alta tensione nello spogliatoio, gli stipendi non pagati da sei mesi e la messa in mora della società da parte dei calciatori rischiano di vanificare ogni sforzo compiuto in questa sessione, che ricordiamo si è chiusa anche con 11 partenze. ROMA 6,5. Sabatini è riuscito a sostituire Destro con Doumbia e Ibarbo. Forse la Roma ha più bisogno di pochi e grandi acquisti che di rinforzi di valore medio che non riescono a far innalzare la qualità. In questo senso Konoplyanka e Luiz Adriano potevano dare qualcosa in più. Bene l'arrivo di Spolli in difesa e le cessioni di Borriello ed Emanuelson. SAMPDORIA 5. E' la media tra i nuovi arrivi e le cessioni, con una spesa potenziale di circa 35 milioni di euro. Il giocattolo di Mihajlovic è stato costruito con fatica nell'ultimo anno e la sensazione è che il tecnico debba ripartire quasi da zero per inculcare ai nuovi arrivi la mentalità e il senso del sacrificio. Eto'o a 33 anni non è più il grande giocatore dell'Inter e Muriel è una vera scommessa, che l'Udinese, club che esalta le virtù dei giovani, ha perso. Da verificare Correa, mentre gli acquisti di Acquah e Munoz sono positivi, sebbene non giochino da tempo.

Calciomercato, serie A: Le pagelle sulla sessione invernale 2015

SASSUOLO 6. Il presidente Squinzi ha resistito all'assalto di tutti i suoi gioielli. In particolare Zaza e Sansone sono stati molto vicino a lasciare l'Emilia. L'arrivo di Lazarevic sostituisce Pavoletti e dà un'alternativa diversa in attacco. Andava comprato un centrale difensivo per sostituire Terranova (rottura del crociato e stagione finita per il siciliano) e i tempi ristretti non hanno consentito l'affare. TORINO 5. Per una squadra che deve competere su due fronti, non basta l'arrivo di Maxi Lopez. Andava rinforzato il centrocampo e anche la difesa. L'arrivo del Tata Gonzalez dalla Lazio non convince. UDINESE 6. I friulani non si sono indeboliti ma al contempo non si sono rinforzati. La partenza di Muriel era stata messa in conto. VERONA 5. Troppi gol presi dagli scaligeri. Un rinforzo in difesa non c'è stato e a centrocampo Greco non sembra dare quel quid in più. Spetta a Mandorlini dare identità alla squadra dopo le tante cessioni dello scorso mercato estivo. Finora i risultati sono altalenanti.

Crediti: web , melty.fr, ap