Calciomercato: Chi ha guadagnato e chi ha perso nel 2014

L'Inghilterra è la nazione che ha speso di più nel 2014
Ecrit par

Lo rivela la FIFA nel report annuale TMS: Nel 2014 è stato stabilito il record di investimenti complessivi e il Brasile è la nazione che ha effettuato più trasferimenti. L'Italia invece è quella che ha scommesso di più sui giovani.

Anche quest'anno, il 28 gennaio la FIFA ha diffuso il suo report annuale TMS (acquistabile a questo link) in cui fornisce un quadro generale del calciomercato del 2014 appena passato. Mentre laJuventus chiude le porte a Zaza, dal documento redatto a Zurigo emergono fatti curiosi, specialmente per quanto riguarda i calcoli finanziari. Nonostante la crisi globale, proprio il 2014 sarebbe stato l'anno con il record di investimenti complessivi delle squadre. Nei trasferimenti internazionali, la cifra complessiva investita stabilisce il nuovo record di 4,1 miliardi di dollari americani, e ha tutta l'aria di ridere delle politiche di fair play finanziario. L'altro dato interessante riguarda il Brasile che, con un record di 6464 trasferimenti in entrata e 689 in uscita è stata la nazione più attiva a livello internazionale.

Cambiano però le latitudini se cerchiamo di capire - sempre a livello finanziario - i vincitori e i vinti: secondo il report FIFA, all'interno di un mercato che ha effettuato in tutto 13.090 trasferimenti tra i diversi campionati nel mondo, l'Inghilterra è stata la nazione che ha speso di più. Si parla di 1,17 miliardi di dollari americani sborsati dai club d'oltremanica, mentre la Spagna ha incassato maggiormente (667 milioni di dollari), nonostante le mosse milionarie di colossi Real Madrid e Barcellona. Vista l'assenza dai primi posti delle classifiche mondiali, la Francia si conferma sempre più "PSGdipendente" a livello internazionale: oltre agli sceicchi, quasi nessuno apre il portafoglio per davvero al di là delle Alpi.

Come si piazza l'Italia? Di certo, rispetto al 2013 (in cui sono stati spesi complessivamente 506 milioni di dollari), si tende a tirare la cinghia e non di poco: si parla di 306 milioni di dollari spesi nel 2014, con 200 milioni risparmiati in confronto all'anno precedente. E' comunque confermata la tendenza che vede la serie A e la Premier League incrociare di frequente le loro carte: nel 2014 ben 45 giocatori si sono trasferiti dall'Italia all'Inghilterra, per un totale di 79 milioni di dollari investiti. In una cosa però, l'Italia è prima davanti a tutti gli altri: i giocatori che sono arrivati nel nostro Paese sono i più giovani - età media di 22 anni e 10 mesi, contro i 25 anni e 6 mesi globali - . Almeno nel calcio, si è costretti a investire sul futuro.

Crediti: melty.it