Grazia a Berlusconi: Il comunicato di Napolitano

Giorgio Napolitano
Ecrit par

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha diramato un comunicato che risponde alle voci su una presunta richiesta di grazia da parte di Silvio Berlusconi dopo il processo Mediaset. Leggi il riassunto su melty.it.

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha diramato un comunicato sulle conseguenze della sentenza della Cassazione sul processo Mediaset che ha condannato Berlusconi. “Il governo prosegua, una crisi sarebbe fatale, riporterebbe il Paese nell'instabilità”, ha dichiarato Napolitano in un lungo comunicato apparso sul sito del Quirinale. Dopo giorni di polemiche, Napolitano ha fatto sentire la sua opinione sulle conseguenze del processo Mediaset e la richiesta di grazia avanzata implicitamente dalle "colombe" di Silvio Berlusconi. A questo proposito Napolitano ha fatto sapere, tramite il comunicato, di non aver ancora ricevuto alcuna richiesta di grazia da parte di Berlusconi. Napolitano ha detto di essere consapevole “dei rischi che possono nascere dalle tensioni politiche insorte a seguito della sentenza definitiva di condanna pronunciata nei confronti di Berlusconi". Ma il capo dello Stato ha subito precisato: : "Di qualsiasi sentenza definitiva, e del conseguente obbligo di applicarla, non può che prendersi atto”.

Una dichiarazione, quella di Napolitano, che lascia ancora qualche speranza per Berlusconi: quel “il governo prosegua, una crisi sarebbe fatale”, rilanciato in prima pagina dai giornali favorevoli al centrodestra, è un invito implicito a proseguire la “strana alleanza” di Pd-Pdl, nonostante la condanna definitiva di Berlusconi. Napolitano ha poi continuato: “Sono stato, da parecchi giorni, chiamato in causa, come presidente della Repubblica, per risposte o "soluzioni" che dovrei e potrei dare a garanzia di un normale svolgimento, nel prossimo futuro, della dialettica democratica e della competizione politica”. Tradotto dal politichese, Napolitano dice di esser stato “costretto” a diramare questo comunicato per chiarire una volta per tutte la posizione del Quirinale sulla possibile “grazia” a Berlusconi.

Una grazia, quella per Berlusconi, che, se concessa, attirerebbe su Napolitano la richiesta di impeachement da parte del M5S. La stessa grazia che, fa sapere Napolitano, non è ancora stata presentata ufficialmente da Berlusconi, e che lo stesso leader del Pdl potrebbe fare a meno di richiedere: “A proposito della sentenza passata in giudicato – ha concluso Napolitano - va innanzi tutto ribadito che la normativa vigente esclude che Silvio Berlusconi debba espiare in carcere la pena detentiva irrogatagli e sancisce precise alternative, che possono essere modulate tenendo conto delle esigenze del caso concreto".

Crediti: repubblica.it, Archivio web, Ansa, Reuters, avvenire.it