Beppe Grillo da Bruno Vespa: A Porta a Porta show tra titani tv

Grillo in Vespa
Ecrit par

Beppe Grillo e Bruno Vespa: a Porta a Porta è stato vero show tra i due titani tv. Il conduttore Rai ha ospitato il leader del Movimento 5 Stelle nello storico programma: tra selfie, gag e picchi di share, l'analisi della puntata.

Beppe Grillo è arrivato negli studi Rai di Porta a Porta nel pomeriggio di lunedì 19 maggio, "ed è subito selfie" (con buona pace di Salvatore Quasimodo). L’autoscatto che ritrae il leader del Movimento 5 stelle con Bruno Vespa è stato un piccolo memo per segnare in agenda l’appuntamento dell’anno: Beppe Grillo torna in Rai, o ancora meglio, Beppe Grillo "a casa" del nemico Bruno Vespa. Molti hanno accusato Grillo di essersi "venduto" alla prima occasione, per altri è stato un modo come un altro per far poi volare lo share di "Porta a Porta" e parlare al popolo "moderato" (i dati d'ascolto hanno infatti registrato un impressionante 27%). L'intervista è come una partita di calcio tra rivali storici, alla stregua di un Fiorentina-Juve in lotta per lo scudetto. Lo show inizia con un inseguimento sotto le romantiche note di Via Col Vento: l’ombra di Beppe Grillo si aggira per la sala con Bruno Vespa alle calcagna, quasi abbia paura che la sua gallina dalle uova d’oro scappi. "E' dal ’93 che non entro in uno studio in diretta”, esordisce Grillo, e l’inizio del suo mini-comizio è accompagnato da un sottofondo di scatti fotografici (trenta fotografi accreditati, un record).

Beppe Grillo da Bruno Vespa: A Porta a Porta show tra titani tv

Vespa continua a rincorrere, ma Grillo sembra più veloce. Almeno nei primi 13 minuti è infatti un "One-man show", con il leader del Movimento 5 Stelle che segna almeno un paio di goal: “Se m’avessero detto che io facevo una cosa con lui [Bruno Vespa, ndr] l’avrei denunciato per diffamazione”. Vespa pare poi svegliarsi dal torpore e inizia a rendersi conto che sta giocando per la sua "coppa": battere i vari Santoro-Innocenzi-Mentana. Lo storico giornalista Rai incalza il dirimpettaio: “Dove li prende i 19 miliardi [del reddito di cittadinanza]?”, “Con chi governerete? ”, “Volete 96% di maggioranza? In bocca al lupo”, “Il tuo partner per governare chi è?”. Grillo conferma di non voler nessuna intesa, con Vespa che commenta: “Ora state fuori”. Il leader pentastellato difende la sua area, parlando della vittoria schiacciante alle Elezioni politiche del 2013 e del rifiuto di ogni alleanza con l'allora segretario del PD Pierluigi Bersani, accusandolo: “Ci hanno trattato come ragazzini”.

Beppe Grillo da Bruno Vespa: A Porta a Porta show tra titani tv
Beppe Grillo da Bruno Vespa: A Porta a Porta show tra titani tv

Dopo la tempesta televisiva, sul web è giorno di riflessioni e reazioni. Il live del blog satirico spinoza.it registra ironizzando sul confronto: “Stasera Grillo ha fatto davvero il 96%. Di possesso palla”, “Grillo: ' Io ho un cane uguale a Dudù'. E lo chiama Di Maio”. Andrea Scanzi, giornalista de “Il Fatto Quotidiano” commenta così: “Durante la fase centrale Vespa ha sofferto un Grillo tracimante, che guardava deliberatamente il pubblico e non lui, ma ha preferito godersi lo spettacolo invece di innervosirsi”. L’hastag #GrilloinVespa è il trend topic del giorno su Twitter. Il bilancio? Grillo non ha preso goal, ma Vespa ha vinto la partita del piccolo schermo.

Giada Gentili

Crediti: Archivio web, web , wev