Belen e Rodotà ad Announo: perché sono gli ospiti giusti per parlare di web

Belen e Rodotà a confronto ad Announo
Ecrit par

Belen Rodríguez e Stefano Rodotà saranno ospiti giovedì 28 maggio ad Announo: il tema della puntata sarà la Rete. Leggendo i nomi degli opinionisti, sorgono alcuni interrogativi sull’accostamento tra la showgirl e il giurista.

La prossima puntata di Announo, in onda sul La 7 giovedì 28 maggio alle 21: 10, vedrà fra gli ospiti la showgirl argentina Belen Rodriguez e l’ex deputato e giurista Stefano Rodotà. Il titolo della puntata sarà “rete cattiva” e si discuterà sul problema della dipendenza da Internet e di come il web stia influenzando i vari aspetti della nostra vita: sessualità, amicizia e lavoro. Durante il talk verrà inoltre trasmesso un reportage esclusivo realizzato dell’ex iena Pablo Trincia. Fin qui nulla di strano, almeno fino al momento in cui si rileggono i nomi degli invitati. La domanda sorge spontanea: “che c’azzeccano” Belen Rodriguez e Stefano Rodotà sulla stessa platea tv? L’accostamento fra la showgirl di Buenos Aires e l’ex deputato PDS suscita di primo acchitto non poca ilarità. Belen, che dice di volere un secondo figlio da Demartino, è sempre impegnata tra palestre, apparizioni in tv e spot pubblicitari mentre l’ex candidato alla Presidenza della Repubblica è un austero ex professore universitario di diritto civile. Insomma, un uomo moralmente irreprensibile ma apparentemente estraneo ai nuovi sviluppi del web. Che senso può avere un dibattito fra due figure così diametralmente opposte?

L'ex Presidente dei D.S. Stefano Rodotà
L'ex Presidente dei D.S. Stefano Rodotà

FORSE NON È UNA BRUTTA IDEA Leggendo il programma della puntata non è difficile porsi questi interrogativi ma, pensandoci bene, in fondo, quelli di Announo (in passato al programma fu accostata addirittura Selvaggia Lucarelli) ci abbiano visto giusto. Da una parte Belen Rodriguez, l’utente per antonomasia dei social media, una donna che fa della propria presenza sul web un punto fondamentale per mantenere e (se possibile) espandere la sua popolarità. Dall’altra Stefano Rodotà, un ex politico classe 1933. Un uomo totalmente estraneo al narcisismo social o a qualsiasi presenzialismo sui nuovi media. Cosa può esserci di più interessante del confronto di due soggetti che vivono la rete in due modi completamente diversi? Chi meglio di loro potrebbe confrontarsi su questa tematica?

INCOMPETENTI? MICA TANTO Belen, come detto, è una persona che utilizza in maniera quasi morbosa il web ed è quindi perfetta per spiegare come i social media possano influenzare la vita di una persona. Può essere interessante, dopo centinaia di video e foto, capire veramente quale sia la sua opinione nei confronti dei vari Instagram, Facebook e Twitter e se davvero si ritenga dipendente dal loro uso. Parlando di Rodotà, se si scava nella sua biografia si scopre che è stato il primo Presidente del Garante per la protezione dei dati personali e che nel 2010 ha presentato all'Internet Governance Forum una proposta per portare in Commissione Affari Costituzionali l'adozione dell'articolo 21bis: "Tutti hanno eguale diritto di accedere alla rete internet, in condizione di parità, con modalità tecnologicamente adeguate e che rimuovano ogni ostacolo di ordine economico e sociale", recitava il testo. Un dibattito fra Belen Rodriguez e Stefano Rodotà può essere mille volte più costruttivo di un dialogo tra Alba Parietti e Antonio Di Pietro, anche loro ospiti di stasera. La nuova puntata di Announo già si preannuncia ricchissima di spunti

Crediti: melty.it, Facebook