Batman v Superman: Perché recuperare "Il ritorno del Cavaliere Oscuro" di Miller

Il bellissimo fumetto di Miller "Il ritorno del Cavaliere Oscuro
Ecrit par

“Il Ritorno del Cavaliere Oscuro” di Frank Miller è uno dei capisaldi del fumetto moderno, prima fonda di ispirazione per il prossimo Batman v Superman. Tutti i motivi per cui recuperare il fumetto in attesa del film.

Mancano ancora parecchi mesi all'uscita di Batman v Superman: Dawn of Justice. Il primo trailer è arrivato e le immagini ufficiali stanno iniziando a fare capolino in rete. Nulla si sa di preciso sulla trama, se non alcuni frame piuttosto limitati e incerti. Una cosa però è certa, ribadita ultimamente anche dal costume ufficiale di Batman e da alcune considerazioni sulla trama. L'opera fumettistica di Frank Miller sarà fonte di ispirazione principale per la pellicola. Un albo in particolare sarà preso in considerazione per costruire il film. Stiamo parlando di quello che, a detta di molti, è considerato il miglior fumetto di sempre di Batman. Stiamo naturalmente parlando de “Il ritorno del Cavaliere Oscuro”, una delle opere più iconiche del mondo dell'eroe di Gotham, capace di tracciare un solco con il passato e aprire Batman alla modernità, di affrontare il tema dei fumetti in modo più maturo e di distaccarsi da tutti gli altri prodotti DC Comics dell'epoca. Questo lavoro in quattro albi di Miller è stato preso come principale fonte di ispirazione da tutti i registi che si sono approcciati alla materia dell'Uomo Pipistrello. Non tanto per la storia, quanto per i temi. Nolan lo ha ampiamente usato per il suo ultimo film, mentre Burton ne ha ricalcato le atmosfere e il tono profondamente dark, oscuro e maturo. Zack Snyder sembra però essere andato oltre: siamo pronti a scommettere che buone parti della nuova storia saranno prese direttamente dalle storyline di questo importantissimo fumetto.

Batman v Superman: Perché recuperare "Il ritorno del Cavaliere Oscuro" di Miller

Il primo motivo risiede naturalmente nello scontro tra Batman e Superman, che nelle tavole ricopre un ruolo assolutamente fondamentale e importante. Naturalmente il film cercherà di equilibrare maggiormente le storie dei due eroi e non potrà concentrarsi solo sull'Uomo Pipistrello. Vale comunque la pena recuperare le pagine di Miller per scoprire uno dei momenti più alti del fumetto supereroistico americano. La storia è parecchio complessa e impossibile da raccontare in poche ricche. Quattro sono gli albi di cui la storia è composta, ambientati in un universo ben diverso da quello classico DC con un Batman parecchio anziano e ormai lontano dalle scene, ma costretto a tornare in campo per affrontare la temibile gang dei mutanti. Una serie di difficoltà e problemi porteranno l'opinione pubblica a criticare fortemente l'operato dell'eroe e i suoi comportamenti quasi sempre sopra la legge. Sarà proprio questo motivo, unito ad una serie di sfortunate circostanze e scontri, a portare allo scontro finale tra Superman e Batman, con l'eroe di Metropolis mandato dal Governo per eliminare la minaccia del suo ex amico. In uno scontro finito sostanzialmente alla pari e quasi vinto da Batman grazie ad Arrow, sarà lo stesso Uomo Pipistrello a fingere la sua morte per liberarsi dei suoi fardelli e “rinascere” per proteggere il mondo.

Batman v Superman: Perché recuperare "Il ritorno del Cavaliere Oscuro" di Miller

Una prospettiva parecchio interessante e che sarà probabilmente riutilizzata, con qualche accorgimento, anche in Batman v Superman. Una serie di chiavi di lettura infinite e un'opera da approfondire in ogni suo aspetto. Il taglio estetico è, come da tradizione per Miller, profondamente cinematografico, i disegni sono moderni e di grande impatto, con sequenze profondamente evocative e magnificamente realizzate. Il tutto condito con un'impronta tematica profondamente oscura e dark, con gli eroi posizionati sotto una prospettiva profondamente adulta e complessa. Una tavola che ha influenzato il modo di approcciarsi all'eroismo da parte dei fumetti, che ha inserito numerose considerazioni morali ed etiche in questo mondo e che ha dato il via all'era moderna di questo genere editoriale. Senza “Il ritorno del Cavaliere Oscuro” non ci sarebbe stato probabilmente nemmeno il capolavoro di Alan Moore “Watchmen” o tutti quei prodotti che escono dall'iconografia classica di eroi invincibili e invulnerabile per rendere più umani i loro eroi, tormentati come gli uomini che devono proteggere, perseguitati dalla stessa società e con le stesse debolezze del mondo che gli circonda. Questi e tanti altri sono i motivi per cui riprendere in mano e godersi questo capolavoro del fumetto moderno. Solo così sarete davvero pronti per godervi il prossimo Batman v Superman.

Manuel Lai

Crediti: Archivio web, Warner