Arsenal-Manchester United: Diretta tv e streaming 12^ Premier League

Michael Carrick contrastato da Song
Ecrit par

Arsenal-Manchester United è la sfida più importante della 12a di Premier League 2014-2015. Entrambi sono incerottate: i Red Devils hanno perso Blind e De Gea. Gunners già falcidiati. Scopri le formazioni di Arsenal-Manchester United.

Arsenal-Manchester United potrebbe essere ricordata come la gara degli assenti. La 12esima partita dei due club in Premier League è stata preceduta dagli impegni delle nazionali. Da entrambi le parti al ritorno si contano i "caduti". L'Arsenal (qui #RainbowLaces: Lo spot dell'Arsenal contro l'omofobia) ha il dubbio relativo a Danny Welbeck, che ha avuto un problema a un polpaccio con la nazionale. La lista dei Gunners infortunati è però lunghissima: Mathieu Debuchy, Mesut Ozil, Laurent Koscielny, Mikel Arteta, David Ospina e Diaby. Infine c'è Olivier Giroud, che dovrebbe rientrare in gruppo la settimana prossima. La squadra che è stata più penalizzata è sicuramente lo United. David De Gea, Michael Carrick e Daley Blind si sono infortunati in maniera più o meno seria. Il portiere spagnolo si è procurato una lussazione al mignolo della mano destra che non gli ha permesso di giocare con la Bielorussia e con i Campioni del Mondo della Germania. Il centrocampista ha rimediato un problema all'inguine, mentre l'olandese si è procurato una lesione del legamento collaterale, con uno stop di almeno un mese.

Tutti e tre i giocatori erano in campo nell'ultima partita con il Crystal Palace, finita 1-0 grazie alla rete di Juan Mata. Secondo la stampa britannica almeno Carrick dovrebbe farcela a scendere in campo. Louis van Gaal può essere soddisfatto per il rientro in attacco di Falcao e in difesa di Smalling e Jones, entrambi favoriti per un posto da titolare. Anche perché Marcos Rojo è ancora infortunato e c'è il solo Paddy McNair, 19 anni, a poter giocare da centrale in caso di emergenza. Sugli esterni ci sono Valencia e Shaw, con il difensore brasiliano Rafael ancora out per un infortunio. A centrocampo Fellaini è integro, mentre i tre tenori della trequarti dovrebbero essere Januzaj, Rooney e Di Maria, quest'ultimo uscito malconcio da Portogallo-Argentina. Davanti la punta è Robin van Persie. L'Arsenal dovrebbe scendere in campo con questa formazione: Szczesny tra i pali, Gibbs, Monreal, Mertesacker e Chambers in difesa; Flamini e Ramsey a centrocampo; Cazorla, Sanchez e Oxlade-Chamberlain dietro l'unica punta Welbeck.

Se sul fronte degli infortuni le sue squadre vivono una situazione simile, anche in classifica non c'è molta distanza. Un solo punto passa dal sesto posto dell'Arsenal a quota 17 e il quinto dei Red Devils. Una vittoria sarebbe fondamentale per gli uomini di Arsene Wenger, ma lo sarebbe altrettanto per van Gaal. A guardare le statistiche non c'è partita. I Gunners sono imbattuti all'Emirates Stadium da ben 23 giornate, i Red Devils non riescono a uscire vittoriosi in trasferta da 7 gare. In questa stagione sono arrivati due pareggi e due sconfitte, l'ultima nel derby di Manchester (qui Manchester City-Manchester United 1-0: Highlights e sintesi Premier League 2014-2015). Due soli punti in quattro gare, per ruolino di marcia che è da metà classifica. Ecco che la sfida di Londra può essere l'occasione della svolta per van Gaal. Wenger si augura invece che la sconfitta fuori casa con lo Swansea e il precedente pareggio casalingo con l'Anderlecht in Champions nell'ultima giornata possano considerarsi solo degli incidenti di percorso. I Gunners non riescono a vincere dallo scorso 1 novembre. E' arrivata l'ora di vincere, United permettendo.

Crediti: web