Arctic Monkeys, Arcade Fire, Muse, Lorde: NME Awards, ospiti e nomination

Arctic Monkeys
Ecrit par

Mercoledì 26 febbraio a Brixton saranno assegnati gli NME Awards: tra i favoriti Arctic Monkeys, Arcade Fire, Muse e Lorde. Scopri tutte le nomination e le esibizioni su melty.it.

Mercoledì 26 febbraio alla O2 Academy di Brixton andrà in scena la cerimonia di consegna degli NME Awards, organizzati dalla storica rivista musicale britannica NME. Una ventina le categorie in gara, principalmente musicali, con qualche incursione nel mondo del cinema e della televisione, senza dimenticare le personalità che hanno caratterizzato il 2013. A fare la parte del leone gli Arctic Monkeys, trionfatori già ai Brit Awards, con ben otto nomination seguiti dagli Haim con sei e da Queens of the Stone Age, Arcade Fire e Lily Allen a quota tre. Tra gli ospiti speciali della serata, ricordiamo Paul McCartney che riceverà il premio "NME's Songwriter's Songwriter" e Damon Albarn che riceverà il premio "NME Award For Innovation".

Arctic Monkeys, Arcade Fire, Muse, Lorde: NME Awards, ospiti e nomination

I bookmakers si sono già sbilanciati e hanno indicato come favoriti gli Arctic Monkeys e gli immancabili Daft Punk con "Get Lucky", probabili vincitori del premio "Best Track". Ma NME è diabolica e ha predisposto anche la categoria "Worst band", ovvero il peggiore gruppo: tra i candidati troviamo One Direction, The Wanted, The 1975, Imagine Dragons, 30 Seconds To Mars e Muse. Infine nella categoria "Villain of the year" troviamo due vecchie conoscenze: Harry Styles e Miley Cyrus che fanno compagnia al primo ministro inglese David Cameron, al presidente russo Vladimir Putin, Robin Thicke e Russell Brand. Ancora poche ore per scoprire i vincitori.

>>> Tutte le nomination agli NME Awards

Arctic Monkeys, Arcade Fire, Muse, Lorde: NME Awards, ospiti e nomination - photo
Arctic Monkeys, Arcade Fire, Muse, Lorde: NME Awards, ospiti e nomination - photo
Arctic Monkeys, Arcade Fire, Muse, Lorde: NME Awards, ospiti e nomination - photo
Crediti: Youtube, Archivio web, wikipedia.org