Cos'ha detto Antonio Conte nella prima conferenza da nuovo Ct della Nazionale

Il nuovo Ct della Nazionale, Antonio Conte
Ecrit par

Antonio Conte è ufficialmente il nuovo commissario tecnico della Nazionale italiana di calcio. Martedì 19 agosto si è svolta la presentazione insieme al neo-presidente FIGC Tavecchio: Conte ha firmato un biennale da 8,2 milioni di euro.

Ha avuto luogo questa mattina alle ore 11: 30 la conferenza stampa di Antonio Conte da nuovo Commissario Tecnico della Nazionale, che è apparso visibilmente soddisfatto e al tempo stesso emozionato. La presentazione è cominciata con la firma sul contratto, davanti alla stampa che si era recata in mattinata appositamente alla sede della FIGC . Tanti i temi affrontati dal neo CT, con momenti di sdrammatizzazione ma anche di polemica. Nei giorni scorsi aveva fatto discutere il compenso che il tecnico pugliese riceverà, ed è stato lo stesso Conte a rispondere che: “Il mio stipendio rientra nel budget della Federcalcio, il resto è dovuto dagli sponsor che pagano per i miei diritti di immagine. Per quanto riguarda il rapporto con la Puma - continua il CT - non mi sono mai fatto condizionare da nessuno per le mie scelte e non succederà neanche ora.” L’ex allenatore della Juventus ha cercato di buttare acqua sul fuoco sul complicato rapporto degli ultimi anni tra FIGC e il suo vecchio club, e sulla questione degli Scudetti vinti dalla Vecchia Signora ha risposto: “Io ne sento otto, quelli che ho vinto da giocatore e allenatore”, apostrofando ironicamente il giornalista come “agghiacciante” per la domanda (riprendendo così il tormentone che Maurizio Crozza gli aveva affibbiato).

Ore 12: 40: Antonio Conte: "Il mio stipendio rientranel budget della Federazione, se ho un'immagine che può valere e che ho ceduto alla Federazione, il mio ingaggio è determinato anche da quello." Carlo Tavecchio: "E' stata trovata la migliore sinergia tra il miglior tecnico e la miglior soluzione economica per entrambi. Conte porta un valore aggiunto non solo dal punto di vista tecnico ma anche per il brand della Nazionaleda esportare nel Mondo. Il nostro è anche un investimento, nell'ottica di una visione globale."

Ore 12: 30: Antonio Conte: "Il lavoro fatto da Prandelli è stato importante e quella dell'Europeo arrivata in finale contro la Spagna, è una Nazionale da seguire. Voglio riportare l'entusiasmo della convocazione in Nazionale, nessuno ha il posto assicurato, ciascuno verrà valutato non solo il fattore tecnico, ma anche l'attaccamento al club e alla nazionale. Non parlo di codice, voglio parlare di comportamento. Non avrò standard ma le decisioni disciplinari saranno prese da me direttamente. La cosa più importante è dare delle certezze in questo momento, l'età non è importante per me, l'importante che diano tutto per la maglia azzurra. Pirlo è un campione ed è stato un punto di riferimento, è un calciatore convocabile, anche se dopo le dichiarazioni post-mondiale dovrò parlare direttamente con lui per capire le sue sensazioni."

Ore 12: 23: Antonio Conte: "Per me la squalifica era ingiusta, l'ho pagata con grande dolore, ma mi ha fatto crescere e il fatto di essere qua è la miglior risposta. Gli scudetti della Juventus per me sono quelli che ho vinto e sono otto: cinque da giocatore e tre da allenatore. Lo sponsor non influirà sulle mie scelte, niente e nessuno potrà impormi decisioni che non sono mie."

Ore 12: 15: Antonio Conte: "Penso sia importante avere un rapporto continuo con gli allenatori e con i club, per avere più disponibilità da parte degli allenatori stessi. Voglio far diventare la Nazionale una squadra per colmare il gap con le altre squadre più forti tecnicamente. Un selezionatore si affida ad un blocco di una squadra di club, un allenatore deve dare una propria identità. Dovrò essere bravo a ottimizzare il tempo che ho a disposizione."

Ore 12: 10: Carlo Tavecchio: "Non si può prendere un leader a basso costo. Noi dovevamo fare la scelta migliore e ci siamo fatti aiutare da un pool di partner della Nazionale. Questa sinergia ha portato alla situazione migliore per la nostra Nazionale."

Ore 12: 07: Antonio Conte: "Oggi io sono l'allenatore di tutto il popolo italiano e ne sono orgoglioso. Nella mia testa e nel mio cuore c'è il colore azzurro e dentro questo ci sono tantissimi colori."

Ore 12: 05: Antonio Conte: "Non voglio parlare dei singoli, ogni giocatore potrà essere chiamato per far parte del gruppo. Le sfide si vincono con gli uomini. Il rapporto con la Juventus è finito in maniera naturale, abbiamo provato a proseguire per qualche mese ma non sono riuscito a trovare gli stimoli giusti. La vittoria è una dolce condanna, io vivo per cercare la vittoria, la differenza tra vincere e perdere per me è come vivere e morire. Il momento non è facile per la Nazionale, ma io sono arrivato per portare questa mentalità."

Ore 12: 00: Conte risponde alle domande: "Non pensavo di ricominciare così presto dopo le dimissioni da allenatore della Juventus. Il mio progetto era quello di aggiornarmi e aspettare una chiamata importante da parte di un top club. E' arrivata la chiamata della Nazionale che è il massimo che potevo aspettarmi. I giocatori sono buoni, io voglio portarli a essere una squadra. Amo le sfide e l'Italia deve tornare ai vertici del calcio mondiale, dove merita di stare."

Ore 11: 55: Le prime parole di Conte: "Sono emozionato perché so che molti vorrebbero essere al posto mio, sulla panchina di una delle nazionali più importanti del Mondo. Voglio ringraziare Prandelli e augurargli un in bocca a lupo per lanuova avventura con il Galataseray. Ringrazio Sacchi per il lavoro fatto con le giovanili e gli dico che per lui le porte in Nazionale sono sempre aperte."

Ore 11: 46: Le prime parole di Carlo Tavecchio: "La prima telefonata è stata una chiacchierata preliminare, la seconda e la terza sono servite per confermare l'accordo. Uno degli asset più importanti della Federcalcio è la Nazionale e per questo ho scelto un'eccellenza come Conte, uno dei migliori tecnici d'Europa. Anche a livello di giovanili la Nazional ha bisogno di un condottiero che porti anche ad emozionarci.Il compenso del miglior Mister in europa è quello base della FIGC, con l'integro del compenso da parte di alcuni sponsor. I diritti di immagine di Conte appartengono alla FIGC e cercheremo di valorizzare nel Mondo l'immagine del nostro calcio. La nostra è una soluzione innovativa, riuscendo a concludere tutto in tre giorni. Ringrazio Antonio per la sua professionalità e sincerità"

Ore 11: 42: Inizia la presentazione di Antonio Conte come nuovo CT della Nazionale italiana, dalla sede della FIGC a Roma. Presente con l'ex allenatore della Juventus anche il presidente della Federcalcio, Carlo Tavecchio. Conte ha firmato davanti alla stampa il contratto che lo legherà alla Nazionale fino agli Europei.

Ore 11: 00: E' arrivata la firma sul contratto biennale da parte di Antonio Conte, che diventa ufficialmente il nuovo allenatore della Nazionale italiana.

Il 19 agosto inizia ufficialmente l’era Conte per la Nazionale italiana di calcio, con la firma del neo Commissario Tecnico prevista per le 10: 30 e la presentazione in conferenza stampa alle 11: 30. Ironia della sorte, il tutto avviene nel giorno del 57esimo compleanno del suo predecessore Cesare Prandelli. Dopo l’accordo con la FIGC trovato venerdì scorso, l’allenatore ex Juventus è arrivato lunedì 18 agosto a Roma per definire gli ultimi dettagli dell'accordo che lo legherà alla panchina azzurra. L’accordo con la Federcalcio è stato fortemente voluto da Carlo Tavecchio, eletto presidente della FIGC nell’assemblea federale di una settimana fa. L’ingaggio è legato al pagamento di una parte dello stipendio dallo sponsor Puma, il che porterà Antonio Conte a essere il CT più pagato della storia grazie ad una formula contrattuale decisamente innovativa. Dopo la spedizione fallimentare della Nazionale italiana ai Modiali di Brasile, che ha portato nel giugno scorso alle dimissioni di Cesare Prandelli (allenatore) e Giancarlo Abete (presidente FIGC), si ricostruiscono in quest’ultima settimana i vertici del calcio italiano.

Crediti: web , Archivio web, Joern Pollex, getty images