American Horror Story 5: Altro che Contessa... finalmente arriva Liz!

Denis O'Hare / Liz Taylor
Ecrit par

La 5x10 di American Horror Story ha finalmente messo in luce uno dei personaggi migliori di Hotel, la Liz di Denis O'Hare: ecco perché è diventato il più interessante.

Le ultime puntate di American Horror Story hanno ricevuto un'accoglienza contrastante da parte del pubblico: molti le hanno amate ma ancora più appassionati sembrano averle odiate (leggi anche: American Horror Story: che fine ha fatto l'horror? e American Horror Story: ecco perché deve chiudere per sempre). Per questo approcciandosi alla decima puntata dello show, ormai rivolto verso il suo ultimo quarto della quinta stagione, ci si trova disarmati di aspettative e completamente scevri di pregiudizi. Ma non è l'abbandono delle sovrastrutture la vera chiave per apprezzare davvero la puntata di American Horror Story: il trucco, come in ogni buon numero di magia, è sapere dove guardare. Distraete per un attimo lo sguardo dalla Contessa Lady Gaga, che tanto ha fatto chiacchierare. Nascondete alla vista le perversioni di John Lowe, che avrebbe dovuto essere il protagonista della stagione con i suoi delitti. Cercate oltre e, tra i corridoi dell'Hotel Cortez, troverete un piccolo diamante grezzo che non aspetta altro se non essere notato: Liz, la donna intrappolata nel corpo di un uomo (nello specifico, quello di Denis O'Hare).

American Horror Story 5: Altro che Contessa... finalmente arriva Liz!

Nel corso della serie Denis O'Hare si è fatto largo silenziosamente tra gli altri, quasi timido, un po' come il suo personaggio. All'inizio quieta e taciturna, la sua Liz dallo sguardo disincantato sembrava quasi trasparente per John Lowe, per la Contessa - perfino per noi spettatori. E poi lentamente i suoi passi si sono fatti più pesanti, i momenti su schermo impossibili da non apprezzare: sulle note di Bette Davis Eyes (leggi anche: American Horror Story 5x05: ascolta le canzoni dell'episodio) dalle ceneri di un uomo nasce una donna, la donna che è sempre stata intrappolata dentro di lui, e da quella trasformazione in poi Liz diventa tridimensionale. Si innamora di Tristan, sperimenta sulla sua pelle la tragedia dell'amore rubato, tocca il fondo e poi risale afferrando la mano del figlio perduto. Dietro degli occhi truccati à la Cleopatra e vestiti fatti di lustrini e paillettes il suo percorso in American Horror Story si fa profondo, lineare, drammatico ma allo stesso tempo pieno di speranza. Liz è tutto quello che avremmo voluto vedere fin dall'inizio, un gioiello che nell'ultima puntata finalmente si mostra in tutto il suo splendore fino alle battute finali. E forse è per questo che Ryan Murphy l'ha nascosto: le cose belle vanno scoperte, e non sono per tutti.

Crediti: youtube, archivi web