Ambra Vitiello, sexy tra le Miss Forme Morbide

Ambra Vitiello
Ecrit par

Ambra Vitiello è una delle piacevoli scoperte di Miss Italia 2013. 19 anni, campana, la procace Ambra è stata tra le finaliste del concorso speciale “Miss Forme Morbide”: una "bella" provocazione contro la filosofia delle "taglie 0".

“Non siamo manichini”. Recitava così lo slogan del concorso “Miss Forme Morbide”, ricco antipasto alle finale di Miss Italia 2013 a Jesolo, che hanno incoronato Giulia Arena nuova reginetta del Belpaese di quest’anno. Un’edizione più che mai segnata dalle polemiche, a partire dal dirottamento della selezione da Mamma Rai a La7, fino alle dure prese di posizione della Presidente della Camera Laura Boldrini sull’opportunità stessa del concorso e sulla strumentalizzazione del corpo delle donne. Miss Italia, però, ospitava già i primi “germi” del cambiamento. Ecco dunque la novità di quest’anno, il concorso speciale “Miss Forme Morbide”, che ha svelato al grande pubblico un’altra bellezza italica da togliere il fiato: Ambra Vitiello.

Altri articoli su Miss Italia 2013Miss Italia 2013: Giulia Arena è la più bella d'ItaliaMiss Italia 2013 è Giulia Arena: Abiti, make up e accessoriLucignolo 2.0 contro Miss Italia 2013 (anticipazioni 3 novembre)

Originaria di Pompei, 19 anni, maturità classica in tasca e il grande sogno del cinema nel cassetto. La procace Ambra, che vanta già numerose apparizioni nelle tv locali e persino un cameo nel film “Nuovo Ordine Mondiale" dei fratelli Ferrara, incarna perfettamente l’idealtipo della bellezza mediterranea, sintesi di simpatia e calore tipici del Sud, sguardo magnetico e soprattutto curve generose che lasciano senza parole. In fondo, non è forse questo il modello di italianità che storicamente esportiamo a livello internazionale? Il rifiuto netto dei canoni estetici del fondamentalismo da passerella (la famigerata “taglia 38”, ormai entrata nell’immaginario tanto quanto la “44 Magnum”) è il primo passo per una rivoluzione gentile (e sexy) nel mondo della moda. Un sincero grazie ad Ambra e alle altre ragazze.

Crediti: facebook ambra vitiello, Youtube