007 Spectre: James Bond in fuga a San Pietro, foto di Dave Bautista 

L'Aston Martin DB10 di 007
Ecrit par

Le riprese di “Spectre” continuano anche senza Daniel Craig, che ha lasciato Roma nei giorni scorsi. Nella nottata nuovi ciak a Borgo Pio. Siamo stati sul set e abbiamo visto da vicino l’Aston Martin di James Bond. Solo per i nostri occhi.

(di Emanuele Zambon). Caffè è la parola d'ordine di questi giorni perchè a James Bond il giorno (oltre che il mondo) non basta e allora sotto con le riprese in notturna per le vie di una Roma blindatissima. Nella notte, nella zona del centro storico della capitale compresa tra Borgo Pio e Borgo S.Angelo, si sono tenute le riprese di "Spectre", il nuovo capitolo della saga di 007, l'agente segreto portato al cinema per la prima volta da Sean Connery. Erano gli anni '60 e l'attore de "Gli Intoccabili" lottava contro il Dr. No in "Licenza di Uccidere". Storia di una spia doppiata dal celebre Pino Locchi (che avrebbe prestato poi la voce a Terence Hill) in missione in Giamaica per sventare il piano criminale della Spectre (che nei romanzi di Ian Fleming era menzionata come "Smersh"). La cupola di terroristi da il nome anche al nuovo film di 007, che proprio in questi giorni sta animando le strade della capitale, con riprese mozzafiato, divieti alla circolazione imposti dall'amministrazione comunale e conseguenti lamentele dei romani. CIAK SI GIRA. È da poco passata la mezzanotte quando un rombo di motori squarcia la quiete notturna di Borgo Pio, il complesso di mura e sampietrini a due passi dal Vaticano. I primi a farne le spese sono stati i senza tetto che affollano la zona, svegliati dalle fuoriserie che si sono rincorse come due schegge impazzite.

007 Spectre - Bolidi sul set di Spectre
007 Spectre - Pit stop per l'Aston Martin di 007
007 Spectre - L'Aston Martin DB10 di 007
007 Spectre: James Bond in fuga a San Pietro, foto di Dave Bautista  - photo

La seconda unità della troupe di "Spectre" lavora a pieno regime, forte del divieto di sosta e circolazione in vigore dalle 21 di mercoledì fino alle 5 del mattino di giovedì 26 febbraio, divieto che esteso fino a Piazza del Risorgimento. In azione gli stuntman, con Daniel Craig ripartito nei giorni scorsi per Londra e che, verosimilmente, tornerà a Roma nella giornata di domenica (lunedì si girerà a via della Conciliazione). BOND FOR SPEED. La produzione di "Spectre" (qui la guida al set romano del film) ha filmato ancora un inseguimento che stavolta si è svolto all'ombra del Cupolone, a due passi da San Pietro, una sequenza che farà da preludio alla scena top spectre...cioè top secret che si terrà tra il 10 e il 13 Marzo sul Lungotevere, con l'Aston Martin Db10 di 007 che precipiterà nel Tevere. James Bond verra’ eiettato dal sedile dell’auto per atterrare con il paracadute a Piazza Trilussa, nel tentativo di sfuggire a Hinx, il villain del film impersonato da Dave Bautista (vedilo nella prima immagine ufficiale).

DAL TRA-NOMENTANA ALL'ALBA. Traffico in tilt anche su via Nomentana e le 19 traverse che si stagliano lungo il tragitto che va da Viale Gorizia a Porta Pia. L'intera zona, dal tardo pomeriggio del 12 marzo (ma forse anche l'8) fino all'alba del giorno dopo, sarà off limits: non si potrà camminare né in macchina né a piedi e a far rispettare il divieto ci penseranno i vigili, schierati a decine lungo il percorso, che verrà pure transennato. Per rimanere sempre aggiornati continuate a seguirci su Melty e diventate followers su Twitter di "Le Cercle Club".

007 Spectre: James Bond in fuga a San Pietro, foto di Dave Bautista 

FINE POLEMICHE? Le riprese DI "Spectre", il nuovo film di 007 diretto da Sam Mendes "non comportano soltanto disagi per i romani, ma vanno considerati anche gli enormi vantaggi che ne derivano: l'occupazione del suolo pubblico viene regolata secondo le normali tariffe comunali in vigore, per una spesa totale, che verrà quantificata al termine delle riprese, indicativamente compresa tra i seicentomila e il milione di euro". Risponde così alle polemiche dei giorni scorsi sulle riprese di "Spectre" il Presidente della Roma Lazio Film Commission Luciano Sovena, il quale evidenzia "l'indotto pari a circa sedici milioni di euro che si riferisce a: 200 persone assunte oltre alle diarie, ristoranti, alberghi, camion, luci, trasporti, pulmini, location, attrezzature, comparse, e tutte le altre spese sul territorio". La produzione, ha aggiunto Sovena "ha inoltre avuto attenzione a non gravare sulla città, agevolando la gestione dei rifiuti legati alle riprese. Il film di Sam Mendes su James Bond è stato venduto in tutto il mondo, con un enorme riflesso positivo per il cineturismo che porterà nella nostra città e nella nostra regione turisti da ogni paese, rilanciando il posizionamento della nostra offerta turistica a livello internazionale."

Crediti: Spectre official movie, YouTube, Repubblica, Ansa, Emanuele Zambon/Jeanne Pierre Signorino, melty.it, Jeanne Pierre Signorino