Maturità 2013: Le tracce della prima prova, è polemica

Maturità 2013: Le tracce della prima prova
Ecrit par

Oggi, 19 giugno, tutti i liceali di fine corso si apprestano a sostenere la prima prova del temuto esame di stato: ecco le tracce della prima prova scritta della maturità 2013, già oggetto di numerose polemiche e ironie su twitter.

Il grande giorno è arrivato, e la "notte prima degli esami" sarà stata ansiosa e insonne per la maggior parte degli studenti che oggi stanno sostenendo la prima prova scritta della maturità 2013. L'esame di stato è una tappa fondamentale nella vita di ogni giovane, un rito di passaggio oltre che la prova finale di anni di studio e crescita personale. Come ogni anno, la prima prova verte sullo scritto di italiano, le cui tipologie sono quattro: l’analisi del testo, il saggio breve (ambito artistico letterario, scientifico, socio-economico o storico-politico), il tema a carattere storico ed infine il tema d’attualità. Le buste sono state finalmente aperte e in questo momento tutti i maturandi d'Italia stanno impegnando al massimo le loro memorie e competenze per iniziare questo esame di stato al meglio. Tuttavia, iniziano già le polemiche sulle tracce della prima prova.

maturità 2014 esame orale colloquio consigli preparazione domande date esami date prove scritti manca un mese
Maturità 2013: Le tracce della prima prova

I rumors sulle tracce della prima prova della maturità 2013 riguardavano sopratutto Ungaretti e Saba, e per il tema d'attualità si scommetteva sulla crisi economica e occupazionale o la violenza sulle donne: il tema del femminicidio era dato per probabile, insieme ad una traccia su internet, visto che proprio quest anno la rete compie trent'anni. Nonostante i pronostici più o meno "positivi", le tracce sono state le seguenti: Magris e l'infinito viaggiare per l'analisi del testo; Individuo e società di massa con testi di Pasolini, Canetti e Montale per il tema letterario; Stato, mercato e democrazia con testi di Zingales, Pirani e Krugman per il tema socio-economico; omicidi politici per il saggio breve; la ricerca sul cervello per il tema scientifico; la rete della vita per il tema generale; Brics e Paesi emergenti per il tema storico, e per la traccia d'attualità “la vita non e' solo lotta di competizione ma anche trionfo di cooperazione e creatività”. La polemica verte sopratutto sugli autori come Magris e Pasolini, poco studiati e approfonditi al liceo, e i tweet iniziano già a impazzare: ecco i più divertenti!

Crediti: maturità 2013, Archivi web, melty.fr, Youtube


5 commenti
  • Penso che non solo avrei messo le mani trai capelli, li avrei anche strappati uno ad uno!
  • crepi il lupo!
  • Ti do ragione :) grazie per la testimonianza diretta! E in bocca al lupo!
  • sebbene la prova fosse su questo sconosciuto Magris, le domande dell'analisi del testo erano fattibili e non così terribili come le dipingono tutti i maturandi (parlo da maturando, anch'io ho sostenuto la prova stamattina e ho scelto la tipologia D). Non era così complicato scegliere cosa fare, ce n'era per tutti i gusti... che poi bisogna sempre lamentarsi è un'altra storia.
  • Poveri maturandi :( la scuola italiana fa tagli a tutto, con possibilità minime di approfondire gli argomenti con le classi sempre più numerose per risparmiare, e poi si permette anche di dare delle tracce su questi autori, che è già tanto conoscere di nome per i liceali!!!