Ecco perché Miley Cyrus si è pentita di Wrecking Ball e del video nuda

Miley Cyrus in Wrecking Ball
Ecrit par

Dopo averci abituati agli eccessi, Miley Cyrus ha dato una svolta alla sua vita, rimpiangendo alcuni errori del passato. Uno di questi è il brano Wrecking Ball…

Tutti gli artisti, prima o poi, fanno i conti con il loro passato e con tutto ciò che, nel bene o nel male, ha contribuito ad accrescere la loro fama. È il caso di Miley Cyrus, che recentemente è tornata con il singolo Malibu, un pezzo decisamente diverso da altri brani cui la popstar ci ha abituati negli anni. Il desiderio di cambiamento è forte per Miley, che sta facendo il punto della sua carriera musicale e che adesso rimpiange alcuni errori del passato. Uno di questi, il più eclatante per la cantante, è senza ombra di dubbio il brano Wrecking Ball. Tutti ricorderanno Miley Cyrus nuda sulla palla da demolizione e il gesto provocante di leccare un martello. Ebbene, la 24enne se n’è amaramente pentita.

MILEY IN WRECKING BALL
Miley Cyrus in Wrecking Ball
Miley Cyrus in Wrecking Ball
Miley Cyrus in Wrecking Ball
Miley Cyrus in Wrecking Ball
Miley Cyrus in Wrecking Ball
Miley Cyrus in Wrecking Ball
Miley Cyrus in Wrecking Ball
Miley Cyrus in Wrecking Ball
Miley Cyrus in Wrecking Ball
Miley Cyrus in Wrecking Ball
Miley Cyrus in Wrecking Ball
Miley Cyrus in Wrecking Ball

Miley Cyrus sta facendo di tutto per pulire la sua immagine, dopo il passato da bad girl. Le sue dichiarazioni in merito a Wrecking Ball sono eloquenti: “Ci sono cose da cui non ti puoi liberare, una di queste è oscillare nuda su una palla da demolizione. Non riuscirò mai a togliermi di dosso quell’immagine, sarò sempre la ragazza nuda sulla palla da demolizione. Non importa quanto spesso possa giocare con Emu [il suo cagnolino], resterò sempre la ragazza sulla palla”. Miley sembra sinceramente pentita per le scelte del passato: “Avrei dovuto riflettere meglio su quanto a lungo quel video mi avrebbe perseguitato. Il mio peggior incubo è che quella canzone venga suonata al mio funerale”.

Crediti: Archivio web