La galassia melty
Edizione Italia
47052 giovani online

50 sfumature di grigio: Dana Brunetti, 'non è un film porno' (foto)

E' uscita l'intervista a Dana Brunetti, il produttore di “50 sfumature di grigio” e che ribadisce il concetto che il film con Jamie Dornan e Dakota Johnson non sia un porno. Inoltre, sono state rilasciate nuove fotografie!

Uno dei veri autori di “50 sfumature di grigio”, del quale si parla troppo poco, è Dana Brunetti, produttore del film di Sam Taylor Johnson. È lui che ha raccolto le forze per trasporre un romanzo complesso come quello di E.L. James in pellicola, credendo di volta in volta nella regista, negli attori e nel resto dei collaboratori. Poco fa, è stata rilasciata dalla rivista TriCities un'interessante intervista, dove Dana spiega tutto il processo di genesi dell'opera. “50 sfumature di grigio non è il tipo di film che pensavo di produrre”, premette, “a dire il vero conoscevo poco il libro, che invece era molto letto da un sacco di gente”. Per fortuna, è arrivato Michael De Luca, altro produttore Universal, che ha fatto ricredere Dana Brunetti sulle potenzialità dello scritto. “Gli chiesi subito se credeva si potesse ricavare un grande film da quella roba”, racconta Dana, “e lui mi ha risposto che 'si, c'è un grande film in quel libro'”.

Così i due hanno deciso di incontrare E.L. James, che proprio in quel periodo stava valutando le decine di proposte che le arrivavano dalle varie major per comprarle i diritti della trilogia. Dana, Michael e la signora inglese hanno parlato del progetto a una riunione, confessandole che si sarebbero concentrati sopratutto sulla storia d'amore tra Anastasia Steele e Christian Grey. “Ho pensato di non avere molte chances di produrre quel progetto, visto che la concorrenza era spietata e ogni produttore era interessato a farlo”. E invece E.L. James ha scelto proprio loro due, quando Dana e Michael erano nel bel mezzo dell'oceano a realizzare “Captain Philips”. Il resto è storia. “Jamie Dornan e Dakota Johnson non sono ancora due star, ma i libri della James si, per ora”. Afferma Dana Brunetti e poi precisa: “il nostro film non è pornografia, come pensa parecchia gente, non ha mai voluto esserlo! ”. Certo che “50 sfumature di grigio" (ascolta la playlist ispirata al film) non è pornografia, ma ha il grande pregio di affrontare temi inediti e di proporli al grande pubblico. In ogni caso, per Dana Brunetti e Michael De Luca, tutta l'operazione si è rivelata un affare mica da poco e che continuerà con i due sequel previsti dalla Universal Pictures.

Tweet

Altre notizie su 50 sfumature

Altri articoli su 50 sfumature50 sfumature di grigio: Sequel, E.L. James vuole più sesso tra Ana e Christian

0 commenti
  • Scrivi il primo commento all'articolo!
I siti del network meltygroup























© 2016 meltygroupChi siamoContattiSeguiciPubblicitàCondizioni di utilizzoInformazioni legali